Flora e Natura in Agriturismo: lo Zafferano - Flora e Fauna in Agriturismo - Scopri le Attività la Flora e la Fauna in Tutto Agriturismi

Cerca nel sito
Vai ai contenuti

Menu principale:

Flora e Natura in Agriturismo: lo Zafferano

Pubblicato da in Flora ·

Zafferano



Nome: Crocus sativum
Famiglia: Iridaceae

Significato: nel linguaggio dei fiori, simboleggia ricchezza materiale, spirituale, benessere e felicità.

Secondo la mitologia greca, Ermes, consigliere degli innamorati, usava lo zafferano per risvegliare desiderio e energia sessuale. In Oriente, invece, si regala lo zafferano come augurio di lunga vita e prosperità. Inoltre, possedere una gran quantità di zafferano era considerata una fortuna, tanto che molte famiglie conservavano la preziosa spezia come dote per le figlie da maritare.

Lo zafferano
è coltivato in Asia minore e nei paesi del Mediterraneo, mentre in Italia lo si trova nelle Marche, in Abruzzo, in Sardegna, in Umbria e in Toscana.
La pianta dello zafferano preferisce piovositа media e non cresce dove ci sono ristagni d'acqua.

Gli stimmi rossi sono utilizzati per ricavare la spezia denominata zafferano.
Tra le propriet
à ad esso attribuite ci sono quelle antispastiche, antidolorifiche e sedative, seppur alte dosi di questa spezia possono essere mortali.

Nella cucina italiana viene utilizzato nel risotto alla milanese, o "risotto giallo". Insaporisce anche piatti a base di riso e pesce come la paella, la bouillabaisse,
carni bianche, pollame, vitello e frutti di mare, oltre a diversi dolci.
In Italia, lo zafferano si diffuse nel 1300, quando Domenico Santucci, un frate domenicano, lo import
ò dalla Spagna e lo coltivò a Navelli, in Abruzzo. Nell'antichità, lo zafferano era utilizzato anche per tingere le stoffe e come cosmetico.

Lo zafferano
è, dunque, una spezia ricavata dai pistilli del fiore, di colore violetto e alto fino a 15 cm. La fioritura avviene per due settimane in autunno e gli stimmi gialli devono essere raccolti manualmente. La raccolta si effettua prevalentemente nelle ore mattutine poichè è in quelle ore che si conserva maggiormente il suo particolare sapore.

Lo zafferano viene venduto in polvere nelle bustine monodose o in stimmi color arancio vivo. Lo zafferano va conservato nella bustina in cui
è confezionato o in un vasetto di vetro in un luogo fresco ed asciutto, lontano da fonti di calore.

Tra le propriet
à organolettiche, ricordiamo che lo zafferano contrasta l'invecchiamento della pelle, favorisce la digestione, abbassa la pressione, riduce il colesterolo, innalza le difese immunitarie. Inoltre, lo zafferano non contiene calorie e non aggiunge grasso alle ricette.

Descrizione inviata da Nicola



Flora e Fauna
Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu