Flora - Flora e Fauna in Agriturismo - Scopri le Attività la Flora e la Fauna in Tutto Agriturismi

Cerca nel sito
Vai ai contenuti

Menu principale:

Flora e Natura in Agriturismo: l'Origano

Pubblicato da in Flora ·

Origano



Nome latino: origanum vulgare
Famiglia: Lamiaceae
Genere: Originum
Etimologia: "oros", letteralmente "montagna", e "ganos", ossia "splendore"

L'origano è
una pianta erbacea perenne che cresce spontanea fino a circa 2000 m.

La pianta dell'origano raggiunge gli 80 cm di altezza, ha foglie ovali leggermente dentellate e i fiori raggruppati in pannocchie bianco rosa.
Il suo frutto è una capsula scura.

Tra gli impieghi dell'origano c'
è quello di infuso (origano e acqua) per un bagno rilassante, oppure per il lavaggio dei capelli. L'origano rappresenta anche un efficace rimedio per il torcicollo, applicando i fiori appena colti e poi riscaldati.

L'origano ha bisogno di svilupparsi in zone soleggiate, calde e areate, soprattutto nelle zone marine.
La pinata va fatta seccare in luoghi bui e ventilati, e in breve tempo, poichè gli oli essenziali sono molto volatili.

Ci sono circa 50 specie, tra le quali la pi
ù diffusa è l'Origanum Vulgare.

Nell'antica Grecia, gli sposi venivano ornati con corone di origano che testimoniavano il simbolo di prosperità e felicità.

L'origano
è composto principalmente da grassi, carboidrati, fibre zuccheri, proteine, acqua, oltre a minerali come potassio, calcio, sodio, fosforo, magnesio, ferro e zinco. Le vitamine sono il Retinolo (vitamina A), Riboflavina, Tiamina, Niacina e Acido folico (gruppo B). Infine, sono presenti anche aminoacidi e lipidi.

Tra le propriet
à medicinali, ricordiamo la funzione antisettica e vermifuga, oltre a proprietà terapeutiche: analgesiche, antisettiche, coadiuvanti nel processo digestivo, calmante per la tosse, attenuante per i dolori intestinali e cura per curare le infiammazioni. Inoltre, l'olio essenziale di origano è impiegato in aromaterapia, anche se può avere azione irritante sulla pelle e sulle mucose.


Descrizione inviata da Miriana



Flora e Natura in Agriturismo: la Calendula

Pubblicato da in Flora ·

Calendula



Origine: Europa, Africa del nord e Asia meridionale

Significato: tristezza. Afrodite, la dea della bellezza, addolorata per la morte di Adone, suo amante, cominciò
a piangere e le lacrime diventarono delle Calendule.

La calendula
è una pianta annuale o perenne, coltivata sia per scopi ornamentali che officinali. La specie più nota è la Calendula Officinalis, che arriva fino a 60 cm di altezza.
La Calendula preferisce temperature che oscillano tra i 20
° e i 30°. Il suo fusto è ricoperto di peli e ha una radice che arriva ad una profondità di circa 30 cm.
Le foglie sono verde chiaro e leggermente appuntite e presentano peli sulla superficie.


La Calendula fiorisce nel periodo che va dall
estate a metà autunno e i fiori si presentano con un colore giallo marcato, arancio o bianco, mentre i frutti sono secchi.

Tipi di calendule:
Calendula Officinalis: pianta annuale, biennale o perenne, fusto eretto o ascendente, fioritura da giugno a novembre, fiori giallo intenso, arancione o bianco. Utilizzata per tinture e infusi, grazie alle propriet
à lenitive e antiarrossanti.
Calendula Arvensis: fioritura da giugno a novembre, fiori giallo o arancio, cresce anche nei prati.

Il terreno preferito dalla calendula
è quello ricco di sostanza organica, leggero e ben drenato. I primi germogli si vedono dopo circa due settimane, ad una temperatura di circa 20-30°. Va coltivata all’esterno ed esposta al sole diretto.

L’operazione di semina in vaso va fatta nel periodo primaverile, disponendo i semi su un terriccio ricco di sostanza organica e di sabbia grossa. Si spruzza poi il terriccio con acqua e si copre il contenitore con plastica o vetro per mantenere una temperatura costante.
Quindi, si posiziona in una zona ombreggiata ad una temperatura di circa 15°. Dopo circa due settimane si vedono i primi germogli, si toglie la plastica e lo si sposta in una zona più
luminosa. Appena cresciute, le nuove piantine possono essere trapiantate nel terreno definitivo.

La pianta della Calendula
è molto resistente e non necessita di cura particolari.

I medici, nell'antichit
à, usavano la buccia della radice della Calendula per le sue proprietà diuretiche, toniche, astringenti e antispasmodiche e per combattere malattie epatiche e della milza, attacchi isterici, depressione e alcuni tipi di paralisi. Inoltre, attenua i dolori mestruali e il vino preparato con questa pianta aiuta a lenire nevralgie e mal di denti.

In cucina, le foglie si possono condire e mescolare alle classiche insalate, mentre i boccioli invece possono essere messi sotto aceto e sostituire i classici capperi.


Descrizione inviata da Marilena



Flora e Natura in Agriturismo: il Basilico

Pubblicato da in Flora ·

Basilico



Origine: Asia tropicale e India
Etimologia: latino medievale "Ocimum basilicum" e dal greco "basilikon" ("pianta regale, maestosa")

Il significato del basilico nel linguaggio dei fiori è
l'odio. La sua origine risale all'epoca degli antichi egizi e dei greci, per i quali il basilico era legato alla morte ed usato per le imbalsamature. Cinesi e Arabi lo utilizzavano per le proprietà medicinali e i crociati lo usavano sulle navi per cacciare insetti e cattivi odori. Le leggende sono contrastanti, poichè secondo alcune era capace digenerare stati di torpore e pazzia ed era dannoso per lo stomaco e per il fegato; secondo altre, il basilico era un valido antidoto al veleno degli scorpioni.

Il basilico si presenta come una pianta dalle foglie verdi molto profumate, molto usata nella cucina italiana e nelle cucine asiatiche, oltre che in erboristeria.


Il basilico richiede sole abbondante e una temperatura tra i 20
° e 25°. Fiorisce tra giugno e settembre e deve essere potato con il taglio degli apici vegetativi e dei fiori, per allungare il ciclo di vita. I fusti possono raggiungere un'altezza di circa 60 cm, con foglie di color verde intenso e fiori piccoli di colore bianco. Ci sono circa 50 varietà di basilico, e le più conosciute sono il basilico napoletano, greco, thailandese e genovese.  
E' una delle piante aromatiche pi
ù utili in cucina ed ha un gusto dolce e fragrante, buono anche per preparare conserve e liquori.

Caratteristiche del basilico a seconda della tipologia:


Basilico Genovese: foglie di media grandezza, color verde chiaro e particolarmente aromatiche
Basilico Napoletano: foglie grandi e bollose di color verde chiaro
Basilico Foglia di Lattuga: foglie larghe, bollose, lucenti e di color verde
Basilico Fino verde: pianta nana con foglie piccole, lucenti, di colore verde e particolarmente aromatiche
Basilico Minimum o greco: foglie piccole, di forma ovale e di colore verde, tollera maggiormente le temperature fredde
Basilico Cinnamon: originario del Messico, ha foglie ovali, lucenti, lievemente dentate e di colore variabile, molto speziato
Basilico Dark Opal: foglie appuntite e di forma ovale dal colore viola scuro
Basilico Purple Ruffles: foglie di colore rosso-viola, dai margini dentellati e con piegatura lungo la nervatura centrale

Il basilico pu
ò essere seminato al chiuso da gennaio a marzo oppure all'aperto da marzo a maggio. I semi, distribuiti 1 g ogni mq, vanno interrati ad una profondità di circa 1/2 cm.
Una volte cresciute, le piantine devono essere diradate a circa 30 cm l'una dall'altra. Le piantine nascono dopo circa 2 settimane dopo la semina e possono essere trapiantate
solo dopo che è spuntata la quarta foglia. Le innaffiature devono essere abbondanti senza, però, provocare, ristagni idrici.

Il basilico viene utilizzato anche a scopi fitoterapici e il suo costituente principale
è l'olio essenziale costituito da estragolo, linalolo, canfora, geraniolo, cinnamato di metile, acetato di linalile, eugenolo. Il basilico ha molte proprietà: è antispasmodico, stimolante, stomachico, antinfiammatorio, carminativo e diuretico. Alcuni consigliano di ingerirne le foglie fresche per favorire il processo digestivo.

Descrizione inviata da Arcangelo



Flora e Natura in Agriturismo: il Girasole

Pubblicato da in Flora ·

Girasole



Origine: America

Significato: nel linguaggio dei fiori, significa allegria e orgoglio

Secondo la mitologia greca, una ninfa di nome Clizia si innamorò
del dio del sole Apollo e guardava sempre il suo carro volare nel cielo. Per questo, 9 giorni dopo venne trasformata in un girasole.

Il girasole ha un grande fiore capace di seguire il tragitto del sole per carpirne i raggi, tanto che il fusto pu
ò arrivare anche a 2 m di altezza. Originario dell'America, nelle terre di provenienza supera anche 4 m.

Il fiore
è composto dal capolino o infiorescenza, costituito da numerosi fiori: gli esterni, o "fiori dei petali", sono giallo, marrone o arancione e variano da da 17 a 30; gli interni, o "fiori del disco" sono arancio scuro-bruno e arrivano ad una quantità di 150.

Nel disco
, i fiori si sistemano a spirali, solitamente 34 in un senso e 55 nell'altro. Quando questi fiori maturano, si trasformano in semi, che rappresentano il frutto.

Il girasole ha molte propriet
à curative, come abbassare la temperatura corporea, funzioni diuretica, antimalarica, espettorante e digestiva. I semi di girasole vengono molto usati come alimento: se tostati, si mangiano come snack, vengono utilizzati per insalate, si estrae l'olio, sono mangime per uccelli e roditori. Servono anche come olio per motori.

Nell
America settentrionale, sono stati trovati resti di girasole risalenti a 3000 anni a.C. Per gli Indiani dAmerica erano una pianta sacra, poichè permetteva di farne molteplici usi. In Perù è lemblema del Dio Sole, per Oscar Wilde fu simbolo del movimento estetico da lui fondato, per Van Gogh fu uno dei soggetti maggiormente dipinti.

Descrizione inviata da Fiorella



Flora e Natura in Agriturismo: l'Anemone

Pubblicato da in Flora ·

Anemone



Famiglia: Ranunculaceae
Provenienza: Europa, Sudafrica e America

Il nome anemone deriva da una definizione di Teofrasto e significa "fiore del vento" per le fragili corolle variamente colorate.
L'anemone rappresenta il rimpianto, nel linguaggio dei fiori. Il suo significato risale alla leggenda secondo la quale Marte, per gelosia, uccise l'amante di Venere e lei, disperata, lo fece rivivere sotto forma di un magnifico anemone.
L'anemone non ha profumo, ma in compenso si offre alla vista con splendidi colori dal rosso al blu-viola. Da alcune specie si ricavano sedativi. Negli anemoni c'è
una sostanza irritante per le mucose e per la pelle, la protoanemonina, che essiccata si trasforma nell'innocua anemonina. Per crescere nelle condizioni migliori, l'anemone richiede esposizione ombreggiata, suolo leggero, acido o neutro, fresco.
Preferisce il terreno umido e non i ristagni d'acqua; dopo la fioritura, non deve essere pi
ù innaffiato e la pianta va fatta seccare. Gli anemoni possono essere lasciati interrati per alcuni anni, mentre i rizomi vanno tolti dal terreno a fine fioritura per essere piantati, in vaso o in giardino, la primavera successiva.


Descrizione inviata da Daniela



Flora e Natura in Agriturismo: il Papavero

Pubblicato da in Flora ·

Papavero



Genere: Papaver
Famiglia: Papaveracee

Il papavero è
diffuso in zone alpine e fredde in Europa, Asia e Africa Boreale, addirittura Africa meridionale e Australia. I fiori sono ermafroditi, vistosi, solitari e con boccioli reclinati. Il papavero ha anche un frutto utilizzato a scopo terapeutico.

I papaveri italiani comprendono quattro specie e la pi
ù comune è il Papaver rhoeas, o Papavero dei campi o Rosolaccio. Si tratta di una pianta annuale e ramosa, alta dai 20 cm ad 1 m e lo si trova in luoghi incolti e tra le messi di grano.
Molto diffuso è anche il Papaver hybridum, che si trova nei campi, muri e argini delle strade e il Papaver alpinum, che si trova nella zona alpina delle Alpi e dellAbruzzo. La corolla di questo papavero è bianca o giallo-arancio.
In Italia meridionale c'
è anche il Papaver somniferum o papavero da oppio, una pianta annuale con fusto poco ramificato, può superare il metro e si distingue per i grandi fiori bianchi o rosei.

Alcune specie sono coltivate a scopo ornamentale, anche se
i papaveri recisi non hanno alcuna durata in vaso. Fiore da vaso è, invece, il Papaver nudiculae, o papavero dIslanda, originario della Siberia, delle Montagne Rocciose, dellAlaska, della Svezia, della Norvegia, del Tibet, dellAfghanistan e dellHimalaya. Il nome è legato al fatto di possedere diverse foglie radicali a rosetta, di un verde chiaro intenso.

La corolla del papavero
è formata da quattro petali: due interni più piccoli e due dal diametro maggiore e bianchi. I semi germinano in quindici giorni.

Il papavero (Papaver rhoeas o papavero selvatico
) fiorisce a giugno e luglio, si presenta con un colore rosso acceso. Nel mondo anglosassone il papavero è il fiore utilizzato per ricordare le vittime dei due grandi conflitti mondiali. L'11 novembre, infatti, in Inghilterra, si celebra l'Armistice day, o Poppy Day, il giorno del papavero.

Specie italiane:
-papavero pugliese (Papaver apulum)
-papavero clavato (Papaver dubium)
-papavero spinoso (Papaver hybridum)
-papavero pennatifido (Papaver pinnatifidum)
-papavero setoloso (Papaver setigerum)
-papavero da oppio (Papaver somniferum)

Il papavero
è una pianta commestibile, poichè i germogli più giovani possono essere mangiati crudi ad insalata o come ingredienti di frittate, minestre e risotti.

Descrizione inviata da Daniela



Flora e Natura in Agriturismo: l'Aglio

Pubblicato da in Flora ·

Aglio



Famiglia: Liliacee
Origine: Asia centrale

L'aglio si presenta con un bulbo e offre una serie di proprietà
alimentari e benefici salutari. E' stato utilizzato da sempre per guarire e prevenire disturbi e epidemie.
Il bulbo dell'aglio contiene circa 400 componenti curative: oligoelementi, sali minerali, vitamina A, B1, B2, PP e C, ed
è un potente antiossidante.
L'aglio presenta questo tipo di propriet
à grazie ad un'essenza solfurea che ha come principio attivo l'allicina, dal forte potere antisettico. Le sue proprietà benefiche sono testimoniate sin dall'antichità, tanto che gli operai che lavoravano alla costruzione della piramide di Cheope, in Egitto, lo usavano quotidianamente come alimento per rendere più sopportabile la fatica, mentre durante i primi giochi olimpici, l'aglio veniva somministrato agli atleti come sostanza stimolante.
Inoltre, Pasteur ne individu
ò le proprietà antibiotiche, Schweitzer lo utilizzò in Africa contro la dissenteria, i cinesi per combattere la meningite.

Cosa fa l'aglio?
-apporta benefici al cuore e al sistema circolatorio;
-presenta propriet
à tonificanti ed equilibranti;
-rinforza il tono muscolare del cuore;
-rende pi
ù fluido il sangue;
-svolge un'azione depurativa;
-ha propriet
à digestive;
-ha effetti protettivi nei confronti del cancro;
-facilita la digestione;
-
è antisettico e antibiotico;
-offre rimedio per le artriti, i reumatismi;
-migliora la funzionalit
à delle articolazioni;
-ha azione antidegenerativa e antineoplastica.


Tuttavia, è sconsigliato a chi soffre di peraciditа gastrica, dermatosi, malattie gastrointestinali ulcerative e croniche e in caso di febbre. L'aglio può essere utilizzato in ogni tipo di ricetta, anche se per mantenere le proprietа curative, l'aglio deve essere consumato crudo.


Descrizione inviata da Costantino



Natura in Agriturismo: la Cipolla

Pubblicato da in Flora ·

La Cipolla



Famiglia: Liliacee

La Cipolla è coltivata in tutto il mondo ed è uno degli aromi più utilizzati in cucina. La cipolla ha molte proprietà terapeutiche, cresce ogni due anni e produce i bulbi annualmente. Predilige una temperatura fredda e le regioni in cui viene meglio coltivata sono Emilia-Romagna, Campania, Sicilia e Puglia.
Si mangia il
bulbo centrale, che può essere consumato sia crudo che cotto. La cipolla ha un gusto particolare e regala alle pietanze un sapore gradevole.
E' utilizzata come base per la preparazione di minestre, risotti, carni e gustosissimi sughi, ma anche zuppa di cipolle, cipolle ripiene, insalata e frittata.

Le varie specie si distinguono per la forma del bulbo, per il colore delle
tuniche e per il sapore. Tra le varietа più famose ricordiamo la cipolla rossa di Tropea, quella di Suasa, quella di Breme, la ramata di Monitoro e la Borrettana.

La cipolla ha un buon valore nutritivo, grazie a sali minerali e vitamine, contiene molti fermenti che aiutano la digestione e stimolano il metabolismo, contiene oligoelementi quali zolfo, ferro, potassio, magnesio, fluoro, calcio, manganese e fosforo, diverse vitamine (A, complesso B, C, E), ha azione diuretica e antidiabetica. In dermatologia pu
ò essere utilizzata come antibiotico e antibatterico; è anche espettorante e fluidificante.

Descrizione inviata da Miriam




Natura in Agriturismo: la Fragola

Pubblicato da in Flora ·

La Fragola



La Fragola è un falso frutto, poichè in realtà si tratta di un frutto aggregato delle piante del genere Fragaria.
Col termine Fragola si intende la parte edule della pianta, mentre i frutti veri e propri sono i cosiddetti acheni, ossia i semini gialli che si vedono sulla superficie della fragola. Le fragole oggi comunemente coltivate sono ibridi derivanti dall'incrocio tra varietà europee e varietà americane.
Le fragole sono dotate di un buon contenuto calorico a causa dell'elevato tenore zuccherino e rappresentano una eccellente fonte di vitamina C e di flavonoidi, dalle proprietа anti-infiammatorie.

Descrizione inviata da Emma




Natura in Agriturismo: l’Indivia Riccia

Pubblicato da in Flora ·

L’Indivia Riccia



Nome originale: Indivia riccia
Famiglia: Composite
Genere: Chichorium endivia

L’indivia riccia è comunemente conosciuta con il nome "scarola" ed è una pianta erbacea perenne con molte foglie verdi dal sapore leggermente amaro.
A differenza della semplice insalata, l'indivia è ricca di numerosi nutrienti essenziali per il nostro organismo. Composta da circa il 90% di acqua, contiene fibre alimentari e carotenoidi, ad azione antiossidante, concentrati nelle foglie esterne, dal colore verde più intenso.
Le sostanze che gli conferiscono il gusto amaro hanno proprietà aperitive e digestive. Ci sono poi Vitamina A, Vitamina C antiossidante necessaria al nostro corpo per mantenere l’integrità dei vasi sanguigni, della pelle, degli organi e delle ossa; Vitamina K che serve al sangue per coagulare normalmente, alle ossa per proteggersi dalle fratture, alle arterie per non calcificarsi, al fegato e alla prostata per proteggersi dal cancro.
L'Indivia Riccia contiene anche Vitamine del gruppo B come acido folico, acido pantotenico, piridossina, tiamina, niacina, e ancora sali minerali, come manganese, rame, ferro, potassio, calcio.

L’Indivia riccia è particolarmente indicata in diete a ridotto regime calorico, in caso di sovrappeso, obesitа, diabete, ha un effetto saziante e blandamente lassativo, con azione diuretica e depurativa.
Nella digestione favorisce la produzione di succo gastrico.

L’indivia Riccia può essere cucinata in vari modi: lessata e servita all’agro, con olio e limone, oppure consumata semplicemente come insalata, o come componente di minestre e minestroni.

Descrizione inviata da Luca



Successivo
Flora e Fauna
Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu