Animali e Fauna in Agriturismo: il Cavallo - Flora e Fauna in Agriturismo - Scopri le Attività la Flora e la Fauna in Tutto Agriturismi

Cerca nel sito
Vai ai contenuti

Menu principale:

Animali e Fauna in Agriturismo: il Cavallo

Pubblicato da in Fauna ·

Cavallo Calabrese



Origine: Calabria

Il cavallo calabrese deriva da un gruppo di cavalli arabi importati dal Nord Africa. Incrociato con l'Andaluso al tempo dei Borboni, è
stato poi influenzato dal Purosangue Inglese che ha permesso l'incremento della taglia. E' molto frugale e resistente, ha un temperamento vivace e docile ed è facile da addestrare. Tra le sue perculiarità: adatto per il turismo equestre, per il salto, è forte, resistente e veloce.

Caratteristiche
Mantello: baio scuro, morello, grigio, sauro
Altezza al garrese: 1,60-1,65 cm
Peso medio: 450-500 kg

La sua forma elegant
e, agile e veloce ha fatto sì che, in passato, fosse utilizzato per diverse battaglie, da Annibale a Giulio Cesare, fino ai Longobardi, che lo incrociarono con cavalli di tipo germanico per aumentarne la taglia e i diametri. Nel XVIII secolo si parlava del cavallo calabrese in testi come "Della Calabria illustrata", "Cronache et antichitа di Calabria", "Regno di Napoli in prospettiva". Nel 1742 Carlo III di Borbone creò la Real Razza di Persano, facendo sì che diversi stalloni operassero in Calabria; in seguito, ci fu listituzione dei registri delle fattrici e dei depositi stalloni. Dai primi del 900 i calabresi ottengono successi agonistici, come ad esempio partecipare all'internazionale di Piazza di Siena.

Negli anni '60 nacque in provincia di Cosenza una scuola di equitazione a Paglialonga, i cui istruttori  riuscirono a coniugare la tradizione locale con la logica della
Scuola di Equitazione Militare Italiana e l'equitazione sportiva.

Descrizione inviata da Mariano



Flora e Fauna
Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu