Animali e Fauna in Agriturismo: lo Stambecco - Flora e Fauna in Agriturismo - Scopri le Attività la Flora e la Fauna in Tutto Agriturismi

Cerca nel sito
Vai ai contenuti

Menu principale:

Animali e Fauna in Agriturismo: lo Stambecco

Pubblicato da in Fauna ·

Stambecco



Lo stambecco è l'animale simbolo della fauna della Valle dAosta, caratterizzata da aree umide, aride pietraie e paesaggi innevati.


Nel 2007 fu avvistato un esemplare di stambecco bianco alle pendici del Monte Emilius: gli fu dato il nome di Fiocco di neve.



La specie è stata a rischio estinzione e protetta a fne '800 da re Vittorio Emanuele II, con lo scopo di riservare gli esemplari alla sua caccia personale in una riserva privata. Non sono mai stati introdotti nel Parco nazionale del Gran Paradiso, in cui non sono mai scomparsi, mentre sono stati reintrodotti in Francia, Svizzera, Austria e Germania.

Il maschio dello Stambecco ha lunghe corna arcuate e nodose, mentre la femmina
è più piccola e dotata di corna. Le corna del maschio possono arrivare al metro di lunghezza. Le corna sono permanenti e la loro crescita si blocca ogni anno a novembre, formando un anello ben visibile sulla parte laterale e posteriore del corno.
Contando i cerchi si risale al numero di inverni trascorsi e all'età dell'animale.

Il maschio pu
ò vivere fino a 16 anni, mentre la femmina supera anche i 20.

Il colore del mantello dello stambecco cambia a seconda delle stagioni. Nel periodo estivo,
è di colore beige o bruno chiaro, mentre in autunno è bruno scuro, quasi nero. La folta pelliccia, così, riesce ad assorbire meglio i raggi del sole. A fine inverno e nei mesi di maggio e giugno c'è un'ulteriore muta.
La pelliccia viene t
olta quando gli stambecchi cominciano a grattarsi contro le rocce e contro i tronchi degli alberi. Il pelo estivo è grigio ferro, mentre sul ventre è bianco.
Il pelo delle femmine
è beige giallastro o castano chiaro, e il suo mantello è sempre più chiaro di quello del maschio.

Lo stambecco
è erbivoro e può mangiare, quotidianamente, fino a 15 kg di erba, ginepro, rododendri, muschi e licheni.

Gli accoppiamenti avvengono durante i mesi di dicembre e di gennaio e sono caratterizzati da estenuanti e spettacolari combattimenti tra maschi.

La gestazione delle femmine dura circa 160-180 giorni e nasce un solo cucciolo, che si alza in piedi dopo pochi minuti per seguire la madre sulle pareti a strapiombo.

Descrizione inviata da Matilde



Flora e Fauna
Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu